autoesame-dei-nevi-abcde-roma-medicalia

Autoesame dei nevi ABCDE

L’autoesame dei nevi ABCDE ci aiuta a riconoscere i segnali a cui prestare attenzione in presenza di lesioni cutanee ed è molto utile per la diagnosi precoce del melanoma.

Patologie e problematiche trattate

Nevi pericolosi

Melanoma cutaneo

Prevenzione dermatologica, i consigli dello Specialista

In medicina, specialmente in dermatologia, prevenire è meglio che curare.

Un controllo regolare nel tempo dei nevi che ricoprono il nostro corpo è fortemente consigliato e raccomandato per fermare sul nascere lo sviluppo di malignità, melanomi in primis.

I tre principali cardini della prevenzione delle neoplasie melanocitarie sono:

  • Prevenzione del danno solare: è di fondamentale importanza applicare un’adeguata protezione solare (almeno FPS 30) prima di esporsi al sole, evitare l’esposizione solare nelle ore con il picco di raggi UV (dalle 11 alle 16) e di indossare occhiali da sole e cappello con ampia visiera per proteggere le zone più fotoesposte come collo e volto.
  • Mappatura dei nevi e visite di controllo regolari, in particolare alle persone con molti nei e con fototipo chiaro è raccomandata una visita dermatologica per eseguire la mappatura dei nei, e successive visite di controllo a intervalli regolari (solitamente 1 volta all’anno, tuttavia l’intervallo è variabile a seconda delle condizioni cliniche di ogni paziente).
  • Autoesame dei nevi: consente di controllare in autonomia i propri nei, di osservare se si siano verificate eventuali modificazioni e di sottoporre all’attenzione del proprio dermatologo di fiducia quelli che destano sospetti.

Cos’è l’autoesame dei nevi ABCDE

L’autoesame dei nevi ABCDE costituisce una metodica semplice, priva di costi e applicabile in piena autonomia per tenere sotto controllo i propri nei e prevenire i tumori cutanei.

Tramite gesti semplici, permette di valutare i propri nevi, il numero, la posizione, la forma, la grandezza e il colore. È consigliabile ripeterlo una volta al mese.

Perché è importante fare l’autoesame dei nei

Il controllo periodico dei nei si esegue mediante la semplice ispezione visiva.

L’autoesame consente di valutare se si sono verificate modificazioni dell’aspetto dei propri nei e di recarsi da uno specialista dermatologo per una valutazione più approfondita, che permetta di escludere o confermare il carattere patologico delle lesioni sospette, ed eventualmente di indirizzare il paziente verso il percorso terapeutico più indicato.

È bene ricordare che l’autoesame dei nei ABCDE non può sostituire in alcun modo la diagnosi di patologie melanocitarie, che dev’essere sempre posta dallo specialista in dermatologia.

Cerchi un dermatologo per il controllo dei nevi a Roma?

Come funziona l’autoesame dei nevi ABCDE

L’autoesame dei nevi si basa sulla valutazione dei 5 criteri “ABCDE“:

  • Asimmetria rispetto all’asse principale della lesione. Un nevo benigno è solitamente simmetrico: tracciando una linea immaginaria che divide il nevo in due metà, se si riscontrano particolari differenze tra i due lati è utile effettuare esami più approfonditi, in quanto l’asimmetria è una caratteristica di non benignità della lesione;
  • Bordi alterati: un nevo benigno ha solitamente bordi continui e uniformi. Il riscontro di un contorno irregolare, frastagliato, poco rotondo necessita di maggiori approfondimenti;
  • Colore: i nevi benigni molto spesso presentano un colore uniforme. Alterazione cromatiche, non omogeneità, aree rossastre o zone più scure possono indicare lesioni sospette;
  • Dimensioni: i nevi benigni solitamente non superano i 6mm di diametro. Lesioni di diametro maggiore meritano indagini più approfondite;
  • Evoluzione: i nevi comuni tendono a rimanere uguali nel tempo. Nevi di nuova insorgenza in pazienti con età superiore ai 30 anni o nevi che modificano il proprio aspetto in breve tempo devono essere sottoposti all’attenzione del dermatologo il prima possibile. Può essere utile fotografare i nevi che destano sospetto per valutarne gli eventuali cambiamenti a distanza di qualche mese.

Chi deve fare l’autoesame dei nevi

Considerando la semplicità d’esecuzione e la scarsa invasività, l’autoesame dei nevi ABCDE non presenta alcun tipo di controindicazione ed è consigliato a tutti.

In particolare, si raccomanda alle persone maggiormente a rischio di sviluppare melanomi o altri tumori cutanei:

  • Persone con familiarità per melanoma;
  • Soggetti con pelle chiara, capelli biondi o rossi e occhi chiari;
  • Persone con ripetuti episodi di ustioni solari (“scottature”) in giovane età;
  • Persone con molti nevi;
  • Soggetti con nevi cosiddetti “a rischio” (nevi che all’esame clinico o alla dermatoscopia mostrano aspetti atipici e che pertanto destano un sospetto).

Poiché non tutti i nei sono facilmente osservabili in piena autonomia, è consigliato chiedere aiuto a un’altra persona, ad esempio il partner, un parente, un amico, per osservare i nei più difficili da raggiungere (come quelli presenti sul dorso).

Per ricevere maggiori informazioni o per prenotare contattaci.

AVVISO AI PAZIENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico.

Bibliografia

De Giorgi V, Papi F, Giorgi L, Savarese I, Verdelli A, Scarfì F, Gandini S. Skin self-examination and the ABCDE rule in the early diagnosis of melanoma: is the game over? Br J Dermatol. 2013 Jun;168(6):1370-1. doi: 10.1111/bjd.12250. PMID: 23738643.

Prenota un appuntamento onlineDoctolib